Brew the PlanetSeguici su Facebook

Chiller (scambiatore di calore)

Premessa

La parola chiller tradotta dall'inglese significa "chi gela", "raggelante" o "congelatore". Si tratta di uno scambiatore di calore utilizzato per ridurre la temperatura del mosto dopo la bollitura. Prima di inoculare i lieviti infatti occorre portare la temperatura attorno ai 20°C nel più breve tempo possibile. Lo scambiatore di calore nel nostro caso è costituito da una serpentina di rame immersa nel mosto in cui viene fatta passare dell'acqua fredda. L'acqua di ritorno dalla serpentina viene semplicemente scaricata. Questo metodo è abbastanza efficace, ne esistono anche altri, primo fra tutti mettere a bagno la caldaia di bollitura del mosto (volgarmente detta pentolone) in una vasca di acqua fredda, cosa non praticabile quando questa è grande e pesante.

Chiller per birra, immagine intera Chiller per birra, attacco alla rete idrica Chiller per birra, particolare delle spire di rame

Il chiller visto per intero.

La parte di collegamento con l'acqua del rubinetto.

Le spire di rame del chiller.

Chiller per birra, introduzione nel pentolone Chiller per birra, introduzione nel pentolone Chiller per birra, introduzione nel pentolone
Introduzione dello scambiatore di calore all'interno della caldaia di bollitura del mosto. Scambiatore di calore all'interno della caldaia di bollitura del mosto. Scambiatore di calore all'interno della caldaia di bollitura del mosto.

Nel nostro caso la serpentina viene direttamente messa nella caldaia di bollitura, quindi sterilizzata, unica accortezza è pulire molto bene il rame che essendo un metallo particolarmente reattivo tende a ricoprirsi di ossido che è tossico per ingestione (come tutti quanti i metalli pesanti). Una ulteriore accortezza per aumentare l'efficienza di questo particolare tipo di chiller è fare in modo che l'acqua più fredda scorra nella parte superiore della serpentina, in modo da essere a contatto con il mosto più caldo che tende ad andare verso l'alto. In questo modo si potenziano i moti convettivi all'interno del mosto. Poi per migliorare ancora i tempi di raffreddamento un altro buon espediente è agitare il mosto con un mestolo o con un grosso cucchiaio.

     
  Versione Stampabile
Pericolo connessi alla produzione della birra fatta in casa Pericoli: leggere le avvertenze