Brew the PlanetSeguici su Facebook

Curiosità

Parlando di imposte sulla birra:
In Belgio veniva usato un particolare sistema di tassazione basato sul volume della caldaia di ammostamento... Poichè la tassa veniva calcolata solo sul volume della caldaia, indipendentemente da quanto malto contenesse, questa legge spinse i birrai a riempirle fino all'orlo e oltre, e ovviamente influenzò anche le birre. Il governo permise l'utilizzo di un secondo tino per i cereali non maltati, e poichè esso veniva tassato in maniera minore i birrai non esitarono a riempire anche questo; e così che sono nate le ricette di witbier e lambic che prevedono un largo utilizzo di frumento non maltato.

- Tratto da: Degustare le birre di Randy Mosher -

Separatore grafico

Secondo una leggenda, Orval deve il suo nome alla principessa Mathilda, che perse la fede nuziale in un lago della valle. Cominciò a pregare per ritrovarla, e a un certo punto si affacciò in supericie una trota con il prezioso anello in bocca. Mathilda esclamò:"Questo posto è proprio una Val d'Or!" In segno di gratitudine, decise di fondare un monastero in quel luogo. Orval registrò il logo della trota con l'anello dorato nel 1934.

-Tratto da: Le birre del Belgio I di Stan Hieronymus -

Separatore grafico

Parlando di imposte sulla birra:
Se la tassa sul luppolo era elevata, i birrai ne moderavano l'uso. L'abrogazione dell'imposta sul luppolo, avvenuta nel 1862, ha coinciso con un aumento della popolarità delle pale ale molto luppolate.

- Tratto da: Degustare le birre di Randy Mosher -

Separatore grafico

Nel 1817 Daniel Wheeler inventò, brevettandolo, un macchinario che era composto da un essiccatore a tamburo e un nebulizzatore di acqua. Questo macchinario, utilizzato per maltare l'orzo, è fonte del nome per un tipo di malto, il black patent (in inglese patent significa brevettato).

Separatore grafico

I malti cara e crystal, utilizzati in molte birre moderne per il loro gusto intenso e ricco, furono inventati solo intorno al 1870, e non hanno quindi rivestito particolare importanza nella nascita della maggior parte degli stili classici europei.

- Tratto da: Degustare le birre di Randy Mosher -

Separatore grafico

Con l'invecchiamento la birra diventa più secca, meno dolce e più vinosa. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare le note dolci dei malti diventano più presenti al naso, a causa dei fragili aromi luppolati e fruttati che si fanno da parte; con il passare del tempo, inoltre, l'ossidazione apporta ulteriori note di cuoio, nocciola o sherry.
Il lievito produce un evidente sapore di carne per mezzo di un processo chiamato "autolisi", lo stesso che genera gli aromi tostati nello champagne. Queste note derivano dai prodotti di degradazione del lievito come l'acido glutammico, che spesso viene percepito come umami.

- Tratto da: Degustare le birre di Randy Mosher -

Separatore grafico

All'inizio dell'era industriale, in Inghilterra, diversi birrai cominciarono ad aggiungere sostanze stupefacienti ai loro prodotti, come il Cocculus indicus (una bacca amara del sud-est asiatico che contiene uno stimolante potente e pericoloso) e la Parkia (una spezia amara proveniente dalle Filippine che contiene stricnina), che avevano effetti tossici o narcotici. Fu solo all'inizio del XIX secolo che la situazione tornò sotto controllo.

- Tratto da: Degustare le birre di Randy Mosher -

Separatore grafico

Parlando di Lambic:
Ci vogliono mesi per per avere un prodotto bevibile, qualche anno per avere qualcosa di buono e una vita per avere la miglior birra.

- Frank Boon -

Separatore grafico

Pericolo connessi alla produzione della birra fatta in casa Pericoli: leggere le avvertenze